Skip to content

Mami days

“GIUNGLA IN CASA PER TUTTI” con il kit di Prato Urban Jungle

Comune di Prato, Fondazione AMI Prato e Associazione Vivaisti Italiani realizzano il kit per far partecipare tutti in modo consapevole alla riduzione della CO2

Un’attività rivolta a grandi e piccini per scoprire le proprietà benefiche della piante.

Il laboratorio di giardinaggio si basa su alcuni elementi essenziali: sostenibilità, circolarità e rapporti di valore sul territorio. Ogni elemento presente nel kit proviene da aziende attive nel distretto vivaistico che investono in percorsi di sostenibilità, tecnologie per l’innovazione di processo e riduzione dell’impatto ambientale.

Il KIT comprende:

  • Scatola in cartone con caratteristiche atte a sostenete il peso dei prodotti fornita di handling per il trasporto.
  • 4 giovani piante (Nandina, Pittosporo, Caprifoglio, Rincospermo) coltivate in uno speciale vaso fabbricato mediante stampaggio, compressione, “cottura” di un impasto di fibra vegetale e cellulosa, torba bionda e acqua privo di sostanze chimiche e totalmente biodegradabile. Consente un facile attecchimento, crescita armoniosa e compatta e nessun problema ambientale legato allo smaltimento della plastica.
  • 10 litri di terriccio Tor-free_21 proveniente da un sistema di economia circolare che recupera e riutilizza il substrato delle piante non più vitali.
  • 500 gr di concime organico da utilizzare durante la fase di attecchimento delle piante.
  • 4,5 litri di pacciamante naturale, cippato prodotto da tronchi di abete bianco da utilizzare per prevenire la crescita delle erbacce, alto contenuto di ritenzione idrica limita l’evaporazione con alte temperature.
  • Guida di istruzioni per la messa a dimora.

Prato Urban Jungle: la prima giungla urbana al mondo

Prato Urban Jungle è un intervento partecipativo dalla concezione innovativa che impiega gli elementi naturali come strumenti attivi per promuovere un ambiente urbano più sostenibile, più confortevole e più attento alla salute dei cittadini.

La Città di Prato stabilisce, così, un nuovo equilibrio nel rapporto tra lo spazio costruito e la natura vivente attraverso processi di ai-naturalizzazione del territorio urbano: la “giungla urbana” diventa una vera e propria colonizzazione verde degli spazi collettivi, rendendosi parte attiva della vita quotidiana.

Il progetto, finanziato con fondi europei di UIA Urban Innovative Actions per 3,7 milioni di euro, vede la collaborazione della Municipalità di Prato con numerosi enti partner tra cui: Stefano Boeri Architetti, Pnat (Società di progettazione multidisciplinare co-fondata da Stefano Mancuso), Legambiente Toscana, CNR IBE – Istituto per la BioEconomia, Estra, greenApes e Treedom.